3 principi dell’interno sostenibile della designer Marta Potorska

Ogni designer ha alcuni principi che non passano nessuno dei suoi progetti. La designer Marta Potorska parte sempre da una “base solida”, da un trampolino di lancio da cui salta nella giusta direzione. Lo crea con materiali di qualità e naturali.

Alcuni anni fa, la designer Marta Potorska ha deciso di avviare il suo studio di design chiamato Riforma di casa. «È iniziato con un interesse per il design degli interni. Ho sempre amato le cose belle e di buon gusto. Ovunque io guardi, cerco l’estetica combinata con la funzionalità e la qualità. La mia professione è un sogno che si realizza. Amo quella sensazione speciale quando vi mettete in sintonia con un cliente e scoprite che avete un gusto comune», ci ha detto.

Nel testo seguente, presenteremo i consigli di design che Marta sostiene con successo. «Vorrei che i designer si concentrassero di più sulla creazione di una base di qualità fatta di materiali naturali per migliorare il livello di vita», aggiunge.

  1. Tendenze cieche

Nell’odierna era del consumismo, i requisiti di qualità stanno lentamente scomparendo. Le persone sono miopi e mettono l´accento sulle tendenze controverse che stanno muovendo il mondo. Ma anche in questo caso vale la pena di scegliere con gusto, di essere cauti e riflessivi. Secondo Marta, non bisogna risparmiare su una solida composizione dell´interno. «La gente compra cose a buon mercato che scarta dopo un po’ e compra un nuovo pezzo alla moda. È completamente contro il mio approccio e crea un malsano consumismo. I film americani, soprattutto quei degli anni 90, come “Home Alone”, sono un esempio perfetto che una base ben progettata è la chiave per un bell’interno. È sorprendente quanto facilmente si può dare un nuovo look a un posto solo cambiando il colore delle pareti, l’imbottitura e aggiungendo alcuni accessori», dimostra la designer.

  1. Materiali di qualità

L’interno richiede una combinazione di bellezza e funzionalità. La chiave di questa combinazione è l’alta qualità dei materiali. Se qualcosa è di alta qualità, è funzionale e bello allo stesso tempo. Ogni singolo materiale porta con sé una serie di vantaggi e svantaggi, e la decisione finale è poi influenzata dalle preferenze individuali del cliente. Il pavimento stesso è sempre un grande problema. Per Marta, la scelta più ovvia è il legno classico. «Porta grande conforto alla vita quotidiana. Si consuma più facilmente del laminato o della ceramica, ma i graffi sembrano fantastici, il pavimento acquista una patina. Non invecchia, al contrario, matura nel tempo, riempiendo lo spazio con un carattere unico.» Un’altra qualità essenziale sono i piani di lavoro della cucina in pietra indurita. Facili da pulire e semplici da mantenere, permettono di risparmiare tempo pur avendo un aspetto straordinario. Un terzo must è un divano di qualità. «È uno dei mobili più frequentati. Viene usato praticamente senza sosta. Incoraggio sempre i miei clienti a considerare attentamente la scelta del loro divano.»

Il piano di lavoro Technistone® nel decoro Noble Troya cattura l’attenzione con la sua lucentezza a specchio.

  1. Colore bianco

Quando si scelgono materiali naturali di alta qualità, si dovrebbe anche pensare alla composizione del colore dello spazio. Il pavimento di legno è in toni tenui e terrosi. Pertanto, il resto dell’arredamento nello spazio non dovrebbe spiccare, ma solo completarlo piacevolmente. «Il meglio che si può dare a un interno del genere è il bianco. Serve come un bellissimo sfondo per il legno, la pietra e il verde», dice l’esperta designer con entusiasmo.

«Cerco di evitare di classificare i miei progetti secondo periodi e tendenze specifiche. Credo che questo approccio li renda più funzionali e senza tempo.»